Tecnico Nautico Tecnico della Logistica Moda Meccanico Elettrico Elettronico Liceo Scientifico e D.S.A. Liceo Classico
Strada Vicinale Torre Rotonda - 70056 - Molfetta (BA) - Tel. 0803344005 - Fax 0803341617
Sede Associata IPSIA "A. BANTI" - Via A. de Gasperi, 14 - Giovinazzo (BA) - Tel. 0803943366
Sede associata Liceo classico e scientifico "M. SPINELLI" - Via A. de Gasperi, 14 - Giovinazzo (BA) - Tel. 0803942040
Mostra del Centenario

Mostra del Centenario della Scuola Marittima

Dal 17 OTTOBRE AL 30 OTTOBRE

 

Sala dei Templari

Piazza Municipio, 1 – Molfetta

Orari di visita:

 dalle 10:00 alle 12:00

e dalle 18:00 alle 20:00

L’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Amerigo Vespucci” di Molfetta organizza la Mostra “Scuola Professionale Marittima, cento anni tra la gente di mare” col Patrocinio della Regione Puglia e del Comune di Molfetta, per celebrare il secolo di vita della Istituzione.

Scopo della mostra è quello di ripercorrere le tappe fondamentali della attività dell’istituto a indirizzo marinaro dalla sua istituzione, il 22 settembre 1919, fino ai giorni nostri, con una rassegna di cimeli, documenti, attrezzature in uso dagli anni Venti fino agli anni Sessanta, spesso ancora funzionanti, che costituivano gli strumenti di lavoro della gente di mare delle diverse qualifiche: motoristi, radiotelegrafisti, elettricisti, tornitori, padroni marittimi della pesca.

La scuola è stata per decenni uno dei principali centri nazionali per la formazione delle maestranze marittime e ha raccolto studenti provenienti da tutta la regione. Col conseguimento del brevetto o la qualifica professionale hanno solcato i mari sui piroscafi, le petroliere, i pescherecci trasportando uomini, merci, esercitando l’arte della pesca oppure come militari della Regia Marina e della Marina Militare sono stati l’equipaggio degli incrociatori, delle torpediniere dei sommergibili.

Insomma con il centenario non si celebra soltanto una istituzione scolastica ma tutta una comunità che vedeva nella “scuola marina” una scelta formativa che si traduceva in realtà occupazionale rinnovandosi nelle tradizioni familiari, di padre in figlio, per generazioni.

Ingresso libero e gratuito.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.